EDUCARE LO SGUARDO ALLE “DIVERSITÀ”

Incontri di formazione per insegnanti, animatori ed educatori

a cura di Marco Moschini

Programma

 

 

1° Incontro:

(di circa due ore)

 

Una proposta per parlare ai bambini di “diversità”:

 

Come si fa per imparare a vedere le cose che “da fuori” non si vedono?

Per imparare a leggere nei pensieri e nel cuore degli altri senza fermarci alle immagini di facciata e all’apparenza?

Ma quando si parla ai bambini di “diversità”, è anche l’indifferenza dilagante che va presa in considerazione e affrontata utilizzando situazioni “provocatorie” che restituiscano il senso di un’esperienza viva e assumano il valore di una “vaccinazione mentale”.

 

2° Incontro:

(di circa due ore)

 

1^ parte: Modalità di costruzione di alcuni giocattoli utilizzando scarti e “rifiuti”.

 

2^ parte: Percorsi didattici:

 

- Il semplice “mettere insieme” persone appartenenti a gruppi diversi contribuisceben poco o per nulla a ridurre l’intolleranza.  Quello che può davvero fare la differenza è avere un obiettivo comune.

Cooperative di bambini.

 

 

 

3° Incontro:

(di circa due ore)

 

1^ parte: Altri percorsi didattici:

 

- Permettere ai bambini di sentirsi “protagonisti”  aiuta la crescita del loro senso di responsabilità.

Prodotti televisivi realizzati con i bambini.

 

 

 

 

2^ parte: Educare lo sguardo” (relazione):

 

Se si percepisce qualcuno come una persona “complessa”, con i suoi errori e le sue lotte, si è superato lo stereotipo perché emerge la similarità con il nostro stesso modo di essere.

 

 

4° Incontro:

(di circa due ore)

 

1^ parte: “Educare il sentimento” (relazione):

 

Avere la capacità empatica di mettersi nei panni degli altri ci insegna a non far prevalere sempre e comunque i nostri interessi.

 

 

2^ parte: Riflessioni e discussione.

 

 

 

5° Incontro (si terrà solo se saremo entrati in possesso delle attrezzature necessarie)

(di circa due ore)

 

Impariamo come si fa”:

Laboratori sui processi di trasformazione di alcuni prodotti  (dal grano al pane, dall’oliva all’olio ecc).