Nonostante l'emergenza Covid-19 che ha costretto a casa sia i tirocinanti della cooperativa Fattoria Sociale Montepacini sia gli ospiti del Centro Diurno, stiamo ripartendo con gli impianti dell'orto estivo e presto, in estate, potremo finalmente inaugurare l'agriturismo/ristorante della Fattoria. Se vuoi sostenere la realizzazione del "sogno" di poter decidere ( autodeterminazione ) e di esercitare pienamente il diritto al lavoro di tante persone disabili e fragili della Fattoria, puoi fare una donazione o diventare socio della Fattoria Sociale Montepacini - Società Cooperativa Sociale. IBAN : IT49 K061 5069 455 CC 0260099166 Carifermo - Filiale S.Caterina - Fermo. 

L’esperienza di Montepacini: le origini, la storia e le prospettive

Dalla metà degli anni 80 fino alla fine del secolo scorso, Montepacini, una proprietà del Comune di Fermo di 13 ettari di terreno, una casa colonica “storica” e un “nuovo” edificio ad un piano, fu sede di una comunità terapeutica di recupero per tossicodipendenti della rete della Comunità Incontri di Don Pierino Gelmini, che aveva la propria casa madre ad Amelia, e realizzava l’allevamento di maiali e produzione di grano e cereali. Dopo una parentesi, dal 2008, in cui Montepacini venne assegnata in comodato gratuito ad una associazione privata, il 12 marzo del 2012 il Comune di Fermo, rientrò in possesso della proprietà con l’intento di favorire un progetto finalizzato a promuovere l’agricoltura sociale per l’inclusione di minori e giovani adulti disabili.

In particolare l’Amministrazione Comunale, e l’Unità Operativa Servizi per Disabili, in accordo con i genitori del Centro Socio Educativo Riabilitativo (CSER) ex “San Giuliano”, oggi “Montepacini”, individuarono questo luogo come possibile nuova e definitiva sede del Centro sulla base di un progetto incentrato sulla riabilitazione attraverso le attività agricole ( orto, piante aromatiche, piccoli allevamenti di animali).

Dal maggio 2016 Montepacini è diventata anche una bellissima realtà sportiva con la nascita del Soccer Dream Montepacini, una squadra di calcio molto speciale composta prevalentemente da ragazze e ragazzi disabili, da giovani richiedenti asilo, da volontari e genitori.

La Fattoria Sociale Montepacini : un’esperienza pluriennale di collaborazione pubblico-privato.

L’esperienza della Fattoria Sociale Montepacini prende avvio nel marzo 2012 per iniziativa dell’Unità Operativa Servizi per Disabili e dell’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Fermo su una proprietà comunale di 13 ettari, una casa colonica e un edificio a un piano, quest’ultimo realizzato negli anni 80’ del secolo scorso, allorquando Montepacini era una delle sedi della “Comunità Incontri” di don Pierino Gelmini, ciò a conferma della “vocazione sociale” del luogo.